12.05.2010

Sinbad and the Eye of the Tiger (1977)

Sinbad e l'occhio della tigre è il terzo (Sinbad and the Eye of the Tiger 1977) di una serie di film fantasy basata sui mitici viaggi dell'esploratore arabo.
Con 7 milioni di dollari fu, come molte volte succede con i sequel, il più costoso in produzione di tutti i tre film.
Mentre la parte filmata con gli attori reali in varie località della Spagna, Malta e Giordania fu realizzata in appena cinque mesi nel 1975, il mitico Ray Harryhausen impiego un anno è mezzo (Ottobre 1975 - Marzo 1977) per la postproduzione è l' implemento delle sue creature nella sceneggiatura.

La trama del film è indubbiamente ispirata dalle note avventure di mille è una notte: per ritrasformare il fratello della sua sposa tramutato in babbuino, Sinbad deve raggiungere una mitica piramide nella terra di Iperborea. Durante il viaggio incontra creature pacifiche, come un troglodita che lo aiuterà nell'avventura, ma anche mostruose, come un tricheco gigante. Sempre inseguiti dalla malvagia strega colpevole della trasformazione iniziale, che viene assecondata da Minaton, un Minotauro Cyborg imparentato con Chewbacca. Niente da dire, Harryhausen si è sbizzarrito nel creare i protagonisti indiscussi del film. Il show down finale vede l' apparizione dello Smilodon, la tigre dai denti a sciabola.


Fig.2. Smilodon, trovato su Koprolitos-Blog.

Le tigri dai denti a sciabola o macairodonti (Machairodontinae) sono una sottofamiglia di felidi estinti, caratterizzati dall'allungamento spropositato dei due canini superiori. Il gruppo ha avuto un notevole successo nel cenozoico, molto diffuso dal Miocene in poi, con rappresentanti sul continente americano, africano e eurasiatico. Non ha rappresentanti moderni, è la denominazione tigre (nel senso del genere Panthera) dal punto sistematico è incorretto.

Kommentare:

Anonym hat gesagt…

Forse il film più brutto della trilogia. Anacronistico e carnevalesco. Ma mister Harryhausen fa sempre la sua bella figura.

Andrea/GGD!

Anonym hat gesagt…

Posso solo darti ragione - forse non è neanche il migliore lavoro di Harryhausen nei trucchi, dopo aver rivisto il film sono rimasto deluso dall' animazione della tigre, che mi sembra molto sterile.

Forse pero è anche un pregiudizio, ho letto che l' animazione di esseri umani e mammiferi è più difficile che sauri, dato che il nostro cervello è meglio adattato a leggere le espressioni faciali di animali a cui siamo abituati. Rettili sono limitati nella loro mimica, e dinosauri li possiamo solo immaginare..